Educare

Il “segreto” per farsi ubbidire

il-segreto-per-farsi-ubbidireCamilla è recentemente approdata nella fase della disobbedienza. A ogni minimo ordine che le impartisco lei controbatte con «aspetta cavoli!», «ho caaapiiito adesso vado!», «uffa però…!!!» se poi le chiedo di spegnere la tv perché è da troppo che se ne sta con gli occhi incollati a quel maxi schermo che ci ritroviamo in casa (trattasi di un “burinata”  per colpa di un’ allettante offerta sul prezzo. Ci siamo resi conto solo dopo di avere una tv di nove metri quadri su 26 di stanza) allora avviene un miracolo che potrebbe essere utile alla chirurgia estetica. La pelle del suo sederino subisce uno stiramento tale che nessun ritrovato sul lifting otterrebbe risultati più strabilianti. Che le pasionarie del “rifatto” mi contattino al più presto.

Inizialmente vengo colta da tre riflessioni:

1)  “Io non ci pensavo lontanamente di comportarmi così con mio padre e mia madre”

2)  “ho un leggero prurito alle mani”

3)  (vado degenerando): “uso la cinta o la metto in ginocchio sui ceci?!”

Questi sono momenti in cui non so che pesci prendere (a parte un misero granchio), cerco di studiare bene la misura migliore da adottare ma la sensazione del “come faccio sbaglio” è lì aggrappata come una scimmietta isterica sulla coscienza.

Come le riviste sul tema dettano sto calma: “sono in pieno autocontrollo, sono in pieno autocontrollo, sono in pieno autocontrollo”. Poi sferro l’attacco con  sorriso angelico sulla base del “kill them with kindness”: «Senti amoredimamma, so che è un lavoro faticoso quello di riordinare la cameretta (io preferirei di gran lunga svuotare il magazzino dell’Esselunga da sola) ma ti posso aiutare così tu ti sforzi di mettere a posto le tue cose, ok?»

Comunque penso di avere trovato il segreto per ottenere la sua ubbidienza che nemmeno il terzo di Fatima:

«forza cami metti in ordine la tua cameretta, riusciresti a trovare anche il coniglietto della Trudy che hai perso quando ti è spuntato il primo dentino»

«tanto non mi interessa più»

«e la Winx? (dovrei contattare Chi l’ha visto, è da due anni che sembra essere stata risucchiata dalle pareti di questo kaos di stanza)»

«mi hanno stufato pure loro»

«anche… la collezione dei… little pony?»

«che little pony?!»

«quelli che sono in edicola in questi giorni»

«allora da dove comincio mammina bella?!»

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Deborah Papisca

L'avvento dell'era dei blog e dei forum forgia la sua fortuna permettendole di realizzare il sogno di una vita: vedersi pubblicare un romanzo. 'Di materno avevo solo il latte' è uscito il 10 maggio 2011 e sembra avere valicato i confini delle sue aspettative oltre ad averla finalmente conclamata scrittrice ufficiale. Continua a leggere

11 Commenti

  1. Dal mio punto di vista è sbagliato promettere delle cose in cambio dell’obbedienza, perché poi si instaurerà un rapporto senza fine, i bimbi vorranno sempre di più. E’ sicuramente più facile e meno stressante fare così piuttosto che sopportare i loro capricci, ma le cose vanno fatte xchè è giusto così e non xche noi li puniamo o gli promettiamo ricompense. Si fa fatica ma poi piano piano ci si riesce.

  2. E questo sarebbe un segreto? Si chiama ricatto.
    Io ho 3 bambine e non ho mai usato ricatti per farmi obbedire.
    E’ estremamente diseducativo questo atteggiamento: cosa pensi che impari tua figlia in questo modo?

    1. Questo è il “brutto” dell’interazione in rete. Il fine di questo post NATURALMENTE era proprio quello di deridere l’atteggiamento del ricatto 😀

  3. Miiii, come giri il coltello nella piaga con questo post…Sono appena rientrata da un colloquio con la prof d’inglese della preadolescente e, ti dirò, il caratterino ce l’ha sempre avuto, ora lo mostra spavaldamente anche a scuola. Ho due figlie, ad una chiedi e ti sarà dato, all’altra chiedere è inutile. Ho provato con premi e punizioni, inutile. I caratteri forti imparano dal mondo fuori come funziona, purtroppo. Spero solo che faccia tesoro di tutto quello che le dico anche se finge di non ascoltare. Franci

    1. Franci mi dispiace non volevo 😀
      bè, mi è bastato leggere la parola “preadolescente” per farmi venire un brivido lungo la schiena!
      Sono sicura che con la tua lungimiranza e impegno di brava mamma la tua bambina “disubbidiente” farà di certo tesoro di tutti i tuoi insegnamenti, magari non subito ma prima o poi sarà così 😉

  4. Io ho un bimbo di due anni e mezzo che x ottenere ciò che vuole trattiene il respiro e mi fa prendere certi colpi che non vi dico. A qualcuno è capitato? Come posso fare finire questa cosa?

    1. Devi ignorarlo, sono spasmi affettivi.ci sono passata con mia che ha iniziato a 4 mesi e la prima volta che è successo mi sono spaventata tantissimo.la neuro psichiatra infantile mi ha spiegato che essendo ancora piccola non lo faceva volontariamente ma dovevo stare attenta quando accese capito che facendo cosi avrebbe ottenuto tutto. mi disse che non sarebbe successo nulla perché vedendosi ignorata avrebbe ripreso a respirare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X