Educare

Ragazzi di talento: Carly Rose Sonenclar a X-Factor USA

I bambini e i ragazzi sugli stage del mondo dello spettacolo, mi hanno sempre lasciata un po’ perplessa perché ho sempre pensato alle conseguenze di avere persone cosi giovani, così inesperte nella vita e così acerbe nella conoscenza delle proprie emozioni, messi sotto i riflettori del mondo.
Alcuni ce la fanno, altri sono piccole meteore che appaiono e scompaiono nel tempo che impiega il loro corpo e la loro mente a maturare… altri, ahimè, vengono bruciati dalla loro stessa fama (penso per esempio all’attore ora 31enne Macaulay Cilkin, bambino prodigio di “Mamma ho perso l’aereo”). Succede agli adulti…

Poi però senti una voce del genere e ti chiedi se non sia un peccato che un tale dono non venga condiviso con il mondo, se non sia giusto tutto sommato che questa ragazzina di 13 anni, Carly Rose Sonenclar, non abbia la possibilità  di far fruttare il talento che possiede.

Forse è giusto che i giovani calchino i palcoscenici del mondo dello spettacolo, a patto che alle loro spalle ci siano delle famiglie che sappiano dirigerli, aiutarli, supportarli e nel caso… salvarli da loro stessi.

Cosa ne pensate?

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

3 Commenti

  1. D’accordo con te su tutta la linea.
    Questa bambina ha un talento, una padronanza anche di sè sul palcoscenico, che lascia basiti.
    I talenti che nascono così presto saranno fragili, ma non penso sia giusto precludergli il meritato successo. Ci vuole però il controllo della famiglia prima di tutto.

    PS: penso sia Carly Rose SONENCLAR, non Stoneclear 😉

  2. la ragazzina ha un grande talento, indubbiamente.
    tuttavia, non sarebbe il caso che ancora per qualche anno lo sfruttasse sotto la doccia, cantando con gli amici in spiaggia o “facendo finta” in camera sua, usando la spazzola come microfono?
    il successo, soprattutto quello televisivo, brucia. brucia gli adulti che ci arrivano preparati e ancora di più i bambini, con le loro menti acerbe e facili da manipolare. la famiglia può molto, ma non è onnipotente e gli dei del denaro e della fama annebbiano con facilità .
    se pensiamo al bene di questa bambina, credo che il mondo possa attendere qualche altro anno per godere della sua voce strepitosa; frequentemente i bambini prodigio sono degli adulti instabili e infelice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X