Educare

Quando arriva un regalo inaspettato…

regalo-inaspettato.jpeg

La piccola Bea non si immaginava di ricevere un regalo senza che fosse il suo compleanno, o Natale o qualsiasi altra festa lo prevedesse. Ormai l’albero con le palline colorate e le lucine era ritornato nella sua scatola custodita in soffitta, il grosso signore panciuto vestito di rosso dalla barba bianca, la slitta, le renne e i piccoli elfi erano andati in ferie e ancora era troppo presto per soffiare le candeline sulla torta!

E invece davanti a lei c’era una bella scatola con all’interno il piccolo Cicciobello Bebè Bellissimo che la guardava come a volerle dire: “ehi, fammi uscire di qui e giochiamo insieme!”

Bea non poteva credere ai suoi occhioni contornati dalle lunghe ciglia. La confezione sarebbe stata aperta in pochi secondi ed eccolo lì: piccolo e dolce, dagli occhi azzurri come un cielo limpido, morbido al tatto con un lieve profumo di talco: impossibile non abbracciarlo, baciarlo e tenerselo stretto mattina e sera come mamma canguro con il suo cucciolo.

regalo-inaspettato.jpeg

Bea e Cicciobello Bebè Bellissimo sono diventati inseparabili: giochi e tv, merenda e nanna: ogni momento è buono per coccolarlo e giocarci a fare la mamma.

La piccola Bea è entusiasta e saltella per casa con il suo nuovo regalo quasi incollato tra le braccia: lo accudisce con grande attenzione, gli parla, lo strizza, lo fa volare in aria.

E la sera?

“Cicciobello Bebè Bellissimo dorme con me. Non prima di avere bevuto una tazza di tè! Prima però lo cambio se ha fatto pipì e popò perché solo così io dormirò.

cicciobello-bebe-bellissimo-giochi-per-bambini.jpeg

Grazie Bea per averci ricordato le piccole gioie di un mondo a noi ormai lontano ma che attraverso la tua purezza ci hai saputo riportare alla luce.

E grazie alla mamma di Bea per cui stiamo pensando di erigere un piccolo monumento alla sua pazienza!

 

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Deborah Papisca

L'avvento dell'era dei blog e dei forum forgia la sua fortuna permettendole di realizzare il sogno di una vita: vedersi pubblicare un romanzo. 'Di materno avevo solo il latte' è uscito il 10 maggio 2011 e sembra avere valicato i confini delle sue aspettative oltre ad averla finalmente conclamata scrittrice ufficiale. Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X