Educare

Qualcuno benedica chi ha inventato il passeggino. Quello della Chicco.

Chicco Trio Living Smart
Chicco Trio Living Smart

Qualche anno fa, quando mia figlia Camilla non camminava ancora, abbiamo trascorso una vacanza invernale in montagna con una coppia di amici, dotati pure loro, di un bambino piccolo.

Una mattina, mentre passeggiavamo e spingevamo a fatica i passeggini tra i cumuli di neve, forse a causa dello sforzo eccessivo, la ruota del passeggino dei nostri amici, di colpo è schizzata via sul sentiero ghiacciato. Zac! Il passeggino era fuori uso.

Dire che ho letto la disperazione sul volto della mia amica, è riduttivo. Era assolutamente terrorizzata per essere rimasta senza uno degli accessori indispensabili per ogni mamma, soprattutto quando è in vacanza!

Abbiamo fatto appello a tutti i negozi (uno) per bambini. Ma lì di passeggini nuovi, usati, o anche di ottava mano, nemmeno l’ombra. In effetti non potevamo pretendere di trovarlo in una località  sciistica dove il prodotto che va per la maggiore è una bella spalmata  di sciolina.

Dopo mezza giornata d’imprecazioni i nostri amici si sono resi conto di due cose:

1)        Senza passeggino occorreva portarsi in braccio o sulle spalle per l’intera vacanza la figlioletta e usare orecchie e bocca come appendi borsa “˜portatutto’;

2)     Bisognerebbe prestare maggiore attenzione alla qualità  del passeggino che si acquista, che deve essere scelto con molta oculatezza e che non è una banalità  il detto che dice: “chi più spende meno spende”.

 

Avrei voluto clonare il mio passeggino per poter regalare ai nostri amici un po’ di sollievo durante le nostre escursioni pomeridiane ma purtroppo convincere mia figlia a concedere il suo posto all’amichetta rimasta “orfana” del suo veicolo è stato come pretendere di fare passare un cammello attraverso la cruna di un ago. Eh, l’altruismo spiccato dei bambini”

Dopo questa “tragica” esperienza mi sono resa conto di beneficiare di un passeggino imbattibile. Modello trio della Chicco. Annata 2006. Neve, caldo, siccità , diluvi, raffiche violente di vento. Insomma ha resistito a ogni violenza meteorologica, e soprattutto ad ogni tipo di percossa da parte di chi lo ha occupato per oltre tre anni. E ancora stanzia imperterrito nel mio garage, e sarebbe pronto anche subito ad affrontare nuove (dis)avventure con altri “ominidi”.

 

Il suo erede è in commercio da qualche mese. Il nuovo passeggino è disponibile nei negozi da luglio 2012, si chiama Chicco Trio Living Smart, è un modello (molto) pratico, dalla linea elegante, travel system e con una carta di identità  di tutto rispetto:

  • composto da tre prodotti (configurazione carrozzina, passeggino, e seggiolino auto)

Chicco Trio Living Smart permette con un unico acquisto di soddisfare le esigenze del bambino (e della mamma!).

–        il passeggino è dotato di seduta reversibile che permette di posizionare il bambino sia di fronte all’adulto, che di spalle. Con la seduta “˜fronte-mamma’ al bambino viene permesso di mantenere il rapporto emozionale diretto con il genitore. In seguito, quando il bambino vorrà  scoprire il mondo, si potrà  girare la seduta in configurazione “˜fronte-strada’ (traduci: finalmente sono grande e non mi basta più osservare gli occhi della mia mamma!);

–        Lo schienale del passeggino è reclinabile in ben 5 posizioni ed è possibile realizzare l’operazione con una sola mano, per ogni tipo di sonnellino all’aria aperta.

 

Il passeggino è utilizzabile fin dalla nascita, grazie all’ampiezza e all’abitabilità  della nuova seduta e accompagna il bambino fino ai tre anni di età ;

–        Il telaio non solo conferisce eleganza al passeggino ma garantisce resistenza grazie alle nuove finiture dei tubi e alle ruote piene, rese ancora più resistenti dai nuovi innesti anteriori. Cosa importante, il cerchio pieno limita di gran lunga l’accesso di sabbia e sporco all’interno degli ingranaggi, garantendo sempre un’ottima scorrevolezza al passeggino. Infine, con un semplice gesto si può scegliere di unire il manico per una guida ancora più comoda.

 

Se la mia amica fosse riuscita a trovare un modello del genere il giorno in cui ha perso la ruota del suo passeggino sarebbe stata capace di gridare al miracolo e di improvvisare una fiaccolata in solitaria partendo dal monte più alto”

 

 

ARTICOLO SPONSORIZZATO DA CHICCO

 

 

 

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Deborah Papisca

L'avvento dell'era dei blog e dei forum forgia la sua fortuna permettendole di realizzare il sogno di una vita: vedersi pubblicare un romanzo. 'Di materno avevo solo il latte' è uscito il 10 maggio 2011 e sembra avere valicato i confini delle sue aspettative oltre ad averla finalmente conclamata scrittrice ufficiale. Continua a leggere

3 Commenti

  1. Noi abbiamo il modello analogo ma del 2002 e già  allora era un ottimo prodotto, il nostro ancora in buone condizioni , dopo un accurato lavaggio sarà  pronto per essere donato ad una famiglia che ha bisogno o che decide di riutilizare un buon prodotto anziche comprarlo nuovo.

  2. Io trovavo il passeggino di questo trio un pò piccolo e pesante, e abbiamo optato per un altro. Ma ultimamente abbiamo comprato l’ultimo passeggino della chicco, di quelli leggeri per bimbi oltre 18 kg, e ci troviamo benissimo. Effettivamente in questo caso il marchio è una garanzia (ed io sono una fervente no logo ;)! )

  3. Mio figlio di 7 mesi non sta nel passeggino avendo lo schienale strettissimo problema che hanno riscontrato altre mamme e che è già stato segnalato a chicco i quali rispondono che va bene così! soldi buttati visto che si dovrà comprare un altro passeggino!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X