Notizie

Nurse-in a Sydney per il diritto ad allattare in pubblico

Che cosa troverai in questo articolo

allattamento-in-pubblico

Ancora discriminazioni

Non siamo nuovi a queste notizie, purtroppo: anche qui l’ennesima mamma a cui è stato chiesto di smettere di allattare mentre si trovava in un bar.
Questa volta succede a Sydney, Australia, e siccome è una città  a cui sono personalmente legata, ho deciso di affrontare nuovamente la questione dell’allattamento in pubblico.
Devo ammettere che la cosa che più mi ha disturbato della vicenda è che è avvenuta proprio in Australia, dove la cultura pro allattamento al seno è fortissima (pure troppo). Oltretutto in Australia la Legge stessa tutela le madri ad allattare ovunque vogliano, eppure c’è sempre qualcuno che deve far passare questo gesto naturale, normale e fisiologico, come qualcosa di inappropriato, vergognoso, disdicevole.

La reazione

Dopo la vicenda, le “lactiviste“ australiane si sono date appuntamento davanti al bar in questione per quello che viene chiamato “nurse-in” (un sit-in di allattamento) e hanno manifestato allattando in pubblico.

protesta-allattamento-in-pubblico

In questa foto il cartello dice “Le tette non solo per vendere automobili“ e mi sembra un messaggio piuttosto eloquente, che la dice lunga sulla visione che la nostra società  ha del corpo nudo (principalmente quello femminile).

Sembra che certa gente non sia in grado di contestualizzare: è più semplice accettare una scollatura vistosa, una maglietta molto attillata, pubblicità  di seni nudi grandi come case, ma non una madre che allatta in pubblico.

 

Io non sono per gli estremismi quindi, a parte il gesto di protesta, non approverei una mamma che si mette con il seno al vento giusto per andare contro il “comune senso pudico” della gente e scatenare così una reazione. L’allattamento è un evento fisiologico fatto per il bene del bambino e per quello della madre e così deve rimanere, sia per chi lo fa, sia per chi si trova ad assistervi.

 

Se vi disturba, girate la testa dall’altra parte perché in un bambino che succhia un capezzolo per trarne del nutrimento non c’è nulla di volgare: la malizia non sta nel gesto, ma negli occhi di chi la vede.

 

Fonte: http://www.huffingtonpost.com/2013/03/03/australian-cafe-nurse-in_n_2790344.html?utm_hp_ref=parents&ir=Parents

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

10 Commenti

  1. oh mamma, ma quanti anni avrà  il bambino allattato dalla signora che sta scattando la foto col cellulare nella foto pubblicata??!

    Vabbeh, a parte questo devo dire che sono d’accordo, anche perchè a me personalmente non disturba per nulla, ma conosco persone che, senza alcuna malizia, rimangono comunque vagamente scosse dal vedere una mamma che allatta. Penso sia una cosa molto soggettiva tutto sommato e credo che la discrezione sia l’unica bussola. Una mamma che allatta in un posto un po’ appartato ed una persona iper sensibile alla scena che si volta eventualmente dall’altra parte. Fine della questione.

    1. Penso che queste polemiche siano frutto dei nostri tempi: fino a qualche decennio fa le mamme con bambini in allattamento le vedevi fuori solo per la passeggiatina, dopo di che erano mezze barricate in casa (non tutte ma era molto comune).
      Ora le mamme escono, se non subito, quasi immediatamente dopo il parto. Vivono lontane dalla famiglia d’origine, spesso, e devono vedersela da sole per molte cose. Se hanno più di un figlio non possono sempre scegliere dove allattare il più piccolo: se il grande va a scuola, in piscina, al parco giochi e il piccolo deve mangiare… beh, di necessità virtù: il piccolo mangia dove capita.

      La questione del sentirsi disturbati da un seno che allatta è per me principalmente legata all’immagine del corpo femminile con cui veniamo bombardati regolarmente tra pubblicità, televisione e via dicendo.
      la gente non capisce più la differenza tra un seno e un altro…

  2. ho allattato emma ovunque e al primo che mi avesse detto qualcosa avrei tirato dietro una ciabatta 😀
    anzi, quasi quasi spero che mi capiti in una giornata di cattivo umore: potrei trasformarmi nel vendicatore mascherato

  3. mai avuto nessun problema nel vedere una mamma che allatta, sacrosanto che finalmente il seno venga mostrato per lo scopo per cui è stato creato e non altro!!! io ho allattato poco ma il problema lo avevo io che mi vergogno e non poco….

  4. paradossale: io giravo con tutto il necessaire 🙂 per il latte artificiale, quindi chiedevo sempre aiuto a bar, autogrill&co, tutti collaborativi e gentili con me e la bimba. Invece se una tira fuori il seno e non rompe le p@@le a nessuno
    viene criticata!
    Ammiro le donne di Sidney che si sono unite e hanno protestato!
    Soprattutto quella con il cartello “Le tette non solo per vendere automobili Grandi!!!
    a quando le donne italiane unite sui temi che ci riguardano????

  5. bha io sinceramente non ci vedo nulla di male nel vedere una mamma che allatta, anche mia moglie ha allattato praticamente in ogni dove, scoprendo solo il necessario s’ intende, fortunatamente non abbiamo mai avuto problemi con queste persone ” sensibili ” che rimangono scosse a vedere un gesto del tutto naturale!!
    Mi viene da pensare che queste persone più che peccare di sensibilità  hanno il problema opposto, sono veramente insensibili e anche di poca educazione.
    Se una cosa mi da fastidio non la guardo oppure mi sposto da un altra parte, come quegli adolescenti che fanno i ramarri sull’ autobus, incuranti del pubblico e con tanto di effetti sonori mi danno terribilmente fastidio, mi sposto in un’ altra zona del bus o li ignoro completamente, mai mi sogneri di andare a rompergli le scatole per i 10 cm di lingua che serpeggiano tra le loro bocche!!
    Eccheccavolo ma vivi e lascia vivere!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X