Notizie

Muore il padre della fecondazione artificiale

Robert-Edwards-fecondazione-artificiale

Lo scorso 11 Aprile si è spento, all’età  di 87 anni, il padre della fecondazione in vitro.
Il dottor Robert Edwards aveva dato il via insieme, al collega dottor Patrick Steptoe, alla fecondazione artificiale nel 1968, partendo dalle esperienze precedentemente fatte nel mondo zootecnico.
La sperimentazione ha portato il 25 Luglio del 1978 alla nascita della prima bambina concepita in vitro, Louise Joy Brown.

Robert-Edwards-fecondazione-artificiale
Il Dottor Edwards insieme a Louise Joy Brown, la prima “bambina” nata grazie all’inseminazione in vitro

Nel 1980 il dottor Edwards e il dottor Steptoe aprirono la prima clinica inglese per la fecondazione artificiale: da allora cinque milioni di bambini sono stati concepiti e hanno visto la luce, grazie alle ricerche e alle tecnologie sviluppate nel settore.

Robert-Edwards-Patrick-Steptoe
Il dottor Edwards e il collega Dottor Steptoe nella prima clinica per la fecondazione artificiale, 1980

Il dottor Edwards raccontava in un intervista, lo stupore che lo aveva colto quando, osservando un campione al microscopio, aveva scoperto che una blastocisti umana (una delle prime fasi della formazione embrionale) lo stava “guardando” dal vetrino.

La fecondazione in vitro non è la soluzione al problema dell’infertilità , nè tanto meno è garanzia di successo: di certo però senza di questa, cinque milioni di bambini al mondo non sarebbero mai esistiti e le loro famiglie avrebbero dovuto convivere con la dolorosa consapevolezza di non poter avere figli.

robert-edwards
Il Dottor Edwards con Louise Joy Brown, diventata mamma a sua volta

Fonte:

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X