Notizie

Maternity Blues, dal cinema al teatro.

Anche se sembra impossibile che una madre possa uccidere il proprio figlio purtroppo succede.

E’ ciò che racconta il film Maternity Blues di Fabrizio Cattani -disponibile da ottobre 2012 in dvd – una storia ricca di drammaticità  e poesia.

Le protagoniste  (nella foto il cast, da destra: Marina Pennafina, Chiara Martegiani, Monica Birladeanu e Andrea Osvart) sono mamme definite “killer”, cadute in una terribile depressione post parto che le ha spinte a commettere uno dei reati più inauditi. Le quattro donne sono rinchiuse in un ospedale psichiatrico di un carcere giudiziario e ci mostrano tutta la loro fragilità  e dolore per quanto commesso.

Dal cinema al teatro il passo è stato breve.

Maternity Blues è ora spettacolo teatrale in cui i personaggi Marga, Eloisa, Rina e Vincenza calcheranno il palcoscenico del Teatro Argot a Roma fino al 16 dicembre prossimo.

Se potete non perdetelo!

Costo del biglietto euro 12,00.

Per informazioni chiamate lo 06.5898111

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Deborah Papisca

L'avvento dell'era dei blog e dei forum forgia la sua fortuna permettendole di realizzare il sogno di una vita: vedersi pubblicare un romanzo. 'Di materno avevo solo il latte' è uscito il 10 maggio 2011 e sembra avere valicato i confini delle sue aspettative oltre ad averla finalmente conclamata scrittrice ufficiale. Continua a leggere

5 Commenti

  1. Avevo sentito parlare del film e mi era parso interessante.
    Essendo poco incline all’istinto materno devo dire che la paura del “maternity blues” è un’altra argomentazione a sfavore di una mia possibile gravidanza. Penso che cercherò di recuperarlo e chissà , se mai arrivasse a Milano anche la pièce potrebbe essere un buono spunto.

    1. cara Elymomo, ti assicuro che quando ho preso coraggio e sono andata aa cinema temevo il peggio. In realtà  si tratta di un film stupendo. Mette in evidenza alcuni aspetti che vanno oltre il comune pensare, ti aiuta a capire (non a giustificare) un atto così inaccettabile. Peccato che per motivi logistici non possa godermi lo spettacolo a teatro…e comunque il film te lo consiglio vivamente 🙂

      1. elymomo
        scusa la franchezza ma sai diventare genitori non è una cosa che si può progettare e valiare più di tanto…. se vuoi fallo e se hai mille dubbi mettiti in pace e non farne! Davvero, sai non è che spaccare il capello ti aiuti a prendere una decisione così importante ed imprevedibile.

  2. Credo sia un tabù: i crimini più efferati si commettono in famiglia, solo uno psicopatico uccide uno sconosciuto,
    E chi più di un figlio ti è vicino e quindi può diventare insopportabile? crudele, lo so, ma è così. Chiediamoci come mai per molte-compresa me- la tanto pubblicizzata maternità  diventi un incubo talmente atroce da commettere un omicidio.

  3. non so se al momento avrei il coraggio di vedere un film simile, quando si è diventate madri da poco tempo e ci si rende conto di quanto sia fragile l’animo di una donna che ha partorito è difficile affrontare certi temi.Questo ovviamente vale per me, magari più in là . Elymomo come mai se non sei mamma e non lo vuoi diventare sei approdata da queste parti?? scusa la curiosità  se puoi,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X