Casa Oasi

Mamma, combatti la stanchezza con un bagno rinvigorente

Oggi è una di quelle giornate in cui sono stanca, fiacca, sento la pelle che cade disordinatamente, qualunque cosa indosso sembra sciatta e nel complesso ho la verve di un bradipo  in stato comatoso.

In giorni come questi, vorrei chiudermi in casa e fare finta di non esserci per nessuno, ma non posso permettermelo!

Devo essere madre e moglie, devo intrattenere rapporti con gli altri, col lavoro o i vicini di casa, con il mondo esterno, a cui non mi posso (anche se vorrei) rivolgere solo a grugniti.

Potrei prendere uno o più caffè, ma hanno il solo potere di rendermi schizzata come una pallina da flipper. Potrei dormire di più, ma l’orologio mi rincorre e non avrei la quantità  di sonno che il mio corpo chiederebbe (tipo: sei/sette mesi…).

E allora?!

Il mio rimedio personale, ovviamente, è in cucina, nell’antro della strega, ed è formato solo da rosmarino, origano e lavanda.

E poi due ingredienti fondamentali:

1) riposo

2) un’ora tutta per me!

 

Prima fase:

porto i bambini all’asilo.

Poi prendo:

–        una brocca di pyrex;

–        ci metto un rametto di rosmarino;

–        una decina di infiorescenze di lavanda;

–        un rametto di origano;

–        ci verso sopra una teiera di acqua bollente;

–        metto il coperchio e aspetto una mezz’oretta (nel frattempo lavo i piatti e sistemo la cucina).

Seconda fase:

Apro il rubinetto della vasca e lascio scorrere l’acqua fino a che non ottengo una temperatura accogliente. Ci verso l’infuso tramite un colino e mi ci immergo, capelli compresi.

L’acqua è profumatissima, la mattinata è soleggiata e la tendina ricamata disegna sulle mattonelle un tenue motivo floreale.

E finalmente mi rilasso.

Dopo il bagno, mi avvolgo nel telo di spugna più grande che ho e, consapevole di somigliare incredibilmente ad un grasso baco da seta, mi stendo sul letto per un’altra mezz’oretta, lasciandomi andare completamente.

A questo punto mi posso asciugare, vestire e avvicinare allo specchio, assaporando la nuova espressione che ha assunto il mio viso, disteso, rilassato e rinvigorito.

Ora sono nuovamente pronta ad affrontare la giornata, meglio che con una tazzina di caffè. Questo bagno stimolante distende la pelle, i muscoli e i nervi, purifica la pelle e i capelli, riattiva la circolazione e, ovviamente, migliora anche l’umore!

Bagno rinvigorente alle erbe

1 lt d’acqua bollente

20 g di foglie di rosmarino

20 g di fiori di lavanda

10 g di origano

Versare l’acqua bollente sulle erbe e lasciare in infusione per ½ ora. Filtrare ed aggiungere all’acqua del bagno.

Azione: stimolante, tonico per la pelle. Non fare la sera.

 

Buon relax mie adorate mamme!

la vostra

Francesca “streghetta” Tantalo

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Deborah Papisca

L'avvento dell'era dei blog e dei forum forgia la sua fortuna permettendole di realizzare il sogno di una vita: vedersi pubblicare un romanzo. 'Di materno avevo solo il latte' è uscito il 10 maggio 2011 e sembra avere valicato i confini delle sue aspettative oltre ad averla finalmente conclamata scrittrice ufficiale. Continua a leggere

10 Commenti

  1. ..se non fosse che dopo avere accompagnato i bimbi all’asilo devi scappare in ufficio fino alle 7 di sera, si potrebbe anche fare, e sarebbe decisamente rinvigorente.

    1. si appunto questa e’ fortunata io poi devo andare a lavorare 7 ore di fila mangiando in piedi per riuscire a prendere i bambini in tempo sta donna e’ fortunata…diciamo la verita’

  2. Sint per te ci vuole un bel bagno rilassante al latte e miele. Eh? Come ti suona? Prossimamente la ricetta anche del bagno rilassante. Per ora, puoi provare il bagno rinvigorente in una bella domenica mattina, o un giorno di ferie, o un altro giorno in cui non hai i bambini con te e l’ufficio che preme. Se tu riuscissi a ritagliarti una mattinata di coccole solo per te, fammelo sapere, ti do tante belle ricettine che ti trasformeranno in una donna nuova tanto che tuo marito ed i tuoi figli stenteranno a riconoscerti ed avranno un solo commento: “wow!”.

  3. Decisamente qui si sottolinea una cosa fondamentale: è importantissimo ritagliarsi un momento per noi sole, prendersi cura di noi stesse puo` solo giovare alla famiglia: una mamma che sta bene, ha una famiglia che sta bene!

    Attendiamo le prossime ricette di Strega Francesca!!!!!

  4. Sono d’accordo. Ed è quello che farò appena uscita dall’ufficio: di corsa a casa, riempire la vasca, affidare la piccola alle cure paterne… e ciao a tutti per un’oretta almeno!! 🙂

    1. Brava Stefi, ogni tanto bisogna ricordarsi che oltre che essere mamme siamo anche donne e lo siamo da molto più tempo, è necessario prendersi un momento non soltanto per le cure di bellezza ma anche per ricaricarsi di energia positiva da riversare su chi amiamo.
      Presto metteremo anche altri tipi di bagni alle erbe: tonificante, ammorbidente, rilassante…

  5. bello!!!! ma per chi come me ha la (s)fortuna di avere la doccia??? lo posso fare ugualmente buttandomi addosso l’infuso tiepido????

    1. purtroppo non è la stessa cosa, Valentina, perchè le erbe per poter fare effetto hanno bisogno di un contatto con la pelle di almeno 10 minuti, e non puoi stare dieci minuti a buttarti infuso addosso 😀
      I bagni alle erbe servono per curare la pelle del corpo, zone che altrimenti non riceverebbero mai cure specifiche per lungo tempo. La doccia ha una concezione diversa: è rapida, l’acqua ti scorre addosso non fermandosi mai molto a lungo, nel bagno l’acqua ristagna e, se arricchita di sostanze balsamiche, riesce a far penetrare nella pelle la loro azione (ammorbidente, tonificante ecc). Per ottenere lo stesso effetto in caso di assenza della vasca puoi agire localmente con una crema alle erbe, con maschere, saune o bagni di vapore. Puoi farti una maschera da applicare al corpo e poi lavarla via con la doccia. Oppure un sapone artigianale alle erbe (presto pubblicheremo anche queste ricette). Ma per una doccia rinvigorente la cosa migliore è alternare l’acqua calda con l’acqua fredda spruzzandosi dal basso verso l’alto (dalle caviglie al viso) lentamente. Il massaggio dell’acqua e l’alternarsi della temperatura favorisce la circolazione e contribuisce al rassodamento della pelle.
      A presto altre ricette, anche per chi ha la doccia.
      Tieni d’occhio la nostra rubrica, Valentina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X