Alimentazione

#iomangiogiusto il progetto di ActionAid per la mensa scolastica

mensa-scolastica-sostenibile-progetto-io-mangio-giusto-actionaid-640x424All’inizio della prima elementare noi genitori abbiamo la possibilità di scegliere se aprire un “conto corrente” per i nostri figli presso la scuola: i soldi sono per la mensa scolastica che viene fornita da ditte di catering esterne. In alternativa si può fornire il pasto preparandolo a casa (a Milano la si chiamerebbe schiscetta)
Quando all’inizio dell’anno ho letto il menù proposto a momenti mi partiva un embolo: se gli Stati Uniti sono famosi per la scarsa qualità del cibo e per i gravi problemi connessi all’alimentazione scorretta, un perché ci sarà.

Hot dog, hamburger, patatine fritte, burrito, corn dogs (che in Italia non credo esistano per fortuna… non sapete come siete fortunati!) e pizza surgelata e riscaldata, sono i piatti principali accanto ai quali i bambini delle elementari possono sostituire a loro scelta quelli che vengono chiamati Healty Choices, ossia scelte salutari.
Le “scelte salutari” sarebbero pollo ai ferri con verdurine bollite o al vapore. Voi mi dite come un bambino di 6/7 anni, davanti ad un hot dog con patatine fritte e la totale libertà di scegliere, possa spendere i suoi soldi per prendere un pezzo di pollo insapore accompagnato da verdure scondite e senza gusto?
Poi la scuola di mio figlio organizza eventi e raccolte soldi per finanziare campagne a favore della salute e del cibo sano. Cominciare dalla propria mensa no?
Sono esasperata da questa mentalità irrazionale, ipocrita e sconsiderata ma almeno sono libera di fornire quotidianamente a Matteo un pranzo preparato da me.
E` un impegno non da poco, soprattutto se si ha un figlio come il mio che fa storie per mangiare e che se potesse scegliere, si strafogherebbe con le “schifezze” della sua mensa scolastica piuttosto che mangiare ciò che gli preparo io.
Non tutti i genitori però possono o vogliono preparare il lunch box ogni giorno e quindi scendono a compromessi e lasciano che i propri figli mangino alla mensa della scuola.

Se solo ci fossero iniziative come quella di #iomangiogiusto anche nella scuola di Matteo!
Si tratta di un progetto messo in moto da ActionAid che parte questo Febbraio per terminare ad Ottobre 2015 e che prevede una totale revisione del modo di fare refezione scolastica.
Dare da mangiare ai bambini a scuola non è più solo fornire loro un nutrimento, ma è anche un modo attivo di intervenire direttamente sulla loro salute e sulla loro educazione.

Leggo il progetto di ActionAid e non posso fare altro che pensare a quale straordinaria proposta per migliorare non solo la salute dei nostri figli ma anche il territorio circostante e le realtà imprenditoriali connesse alla refezione scolastica.
ActionAid parla di prodotti locali a chilometro zero ma anche di prodotti esteri che passano per il mercato equo e solidale. Oltre a discutere di No OGM e di prodotti di stagione, si spinge oltre analizzando l’impatto ambientale e gli sprechi, nonché la valorizzazione del lavoro dei produttori agricoli e zootecnici.
Dieci e lode a questo progetto intelligente e ben pensato, dove la partecipazione dei genitori è attiva e coordinata in sinergia con quella delle amministrazioni scolastiche nonché dei produttori e distributori di cibi per mense.
Per saperne di più vi invito a leggere il programma di AcitionAid e se volete partecipare attivamente ecco il questionario e uno spazio per rilasciare commenti e proposte.
Lavorare attivamente sulla nutrizione dei giovani nelle scuole significa far crescere uomini e donne più sani e consapevoli.
Voi cosa avete da dire delle mense scolastiche delle scuole dei vostri figli?

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X