Casa Oasi

Cuocere un pollo arrosto squisito. E pulire brillantemente il forno a costo (quasi) zero.

pollo arrosto

di Francesca Tantalo

Lo confesso.

Per anni ho evitato di usare il forno (classico e microonde) per il terrore di doverlo pulire.

Ci scongelavo giusto il pane.

Lottare contro macchie di unto incrostato e rischiare di slogarmi la clavicola per eliminarle  non era esattamente quello che desideravo di più al mondo.

Fino ad oggi.

No, non ho comprato il pollo da cuocere nella plastica, anche perché mi piace molto poco continuare a produrre rifiuti che non si biodegradano e che non so che sostanze possano rilasciare col calore del forno.

Invece ho fatto una scoperta decisamente più ganza.

Anzi, due.

1) si può fare un ottimo pollo arrosto nel microonde ( e in quelllo tradizionale);

2) il disastro dell’unto post-pollo si può pulire facilmente con una ricetta semplice e casalinga a costo quasi zero.

Per entrambe le cose devo ringraziare la mia immensa rete di amiche: è inutile che ci prendiamo in giro, le scoperte più fenomenali le facciamo noi donne, se solo imparassimo a valorizzarci di più e a comunicare meglio!

Cominciamo dal pollo.

Pollo arrosto nel microonde (o tradizionale)

Ingredienti:

– un pollo tagliato in quattro pezzi o una confezione di cosce e sovraccosce di pollo

– il succo di un limone

Preparazione:

Disporre il pollo sulla teglia in modo che stia perfettamente disteso o disporre i pezzi non sovrapposti.

Mettere in forno.

Per il microonde: il forno a microonde lo cuoce a partire dal suo interno, per cui se non avete la funzione grill verrà  ben cotto ma non croccante in superficie, ma se avete la funzione “combi” (che unisce microonde e grill) usatela immediatamente, rimarrete sbalordite da come viene bene (cuocete per quaranta minuti circa).

Per il forno tradizionale: cuocete lontano dal grill per tre quarti d’ora circa, ricordandovi di girare il pollo a metà  cottura e continuare a cuocere se vedete che il suo interno è ancora roseo.

In entrambi i casi: a metà  cottura, cospargete il pollo di succo di limone irrorandolo bene e poi rimettete in forno.

A fine cottura avrete il pollo dorato, croccante in superficie e morbido dentro, sarà  cotto nel suo grasso e sarà  saporitissimo, nonostante non abbiate aggiunto sale o pepe.

Provate!

E’ il piatto preferito di tutti gli uomini della famiglia che ora, chissà  perché, mi adorano.

Passiamo alla nota dolente: la pulizia del forno dopo essersi leccati i baffi con il pollo arrosto.

forno

Lo vedremo intramente schizzato di grasso in ogni suo millimetro e la prima tentazione è quella di:

1)    pulirlo subito con lo sgrassante più potente in commercio

2)    buttarlo via

Non fate nessuna delle due cose, ma con calma, preparate un detersivo naturale a base di aceto, bicarbonato e acqua.

Ingredienti per il detersivo “salvaforno”:

– 1 bicchiere d’aceto di vino bianco

– 4 cucchiai di bicarbonato di sodio

– 500 ml di acqua

Prendete uno spruzzino da 500 ml e versateci dentro gli ingredienti nello stesso ordine in cui li ho scritti. L’aceto e il bicarbonato, mescolati insieme, libereranno ossigeno, quindi non vi meravigliate della reazione chimica che viene scatenata.

Spruzzate l’interno del forno con il liquido ottenuto. Fate agire per un quarto d’ora circa. Prendete una spugnetta e pulite energicamente senza sciacquarla mai. Poi spruzzate ancora e lasciate agire. A questo punto sciacquate.

Il risultato sarà  come nella foto qui sotto: l’interno del mio forno pulito e lucidissimo!

 

Parola della vostra Francesca “streghetta” Tantalo!

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Deborah Papisca

L'avvento dell'era dei blog e dei forum forgia la sua fortuna permettendole di realizzare il sogno di una vita: vedersi pubblicare un romanzo. 'Di materno avevo solo il latte' è uscito il 10 maggio 2011 e sembra avere valicato i confini delle sue aspettative oltre ad averla finalmente conclamata scrittrice ufficiale. Continua a leggere

Un commento

  1. Ciao! Grazie degli ottimi consigli, sia sulla ricetta del pollo che sulla pulizia del microonde!
    Dalla foto, tra l’altro, l’ho riconosciuto… è anche il mio!!!
    Volevo quindi approfittarne e chiederti informazioni sulle funzione Jet Defrost e Auto crisp, purtroppo non trovo più le istruzioni e quindi uso la funzione crisp manuale. Inoltre volevo sapere se prima di adagiarci il pollo, riscaldi il piatto. Stasera l’ho fatto (due fuselli) insieme alle patate (250gr) tagliate a dadi e ho messo tutto direttamente nel piatto crisp, senza riscaldarlo, ho condito tutto con rosmarino, un filo d’olio e poco sale e ho girato entrambi 2\3 volte; le patate le ho tolte dopo 30 min. circa e il pollo l’ho lasciato “riposare” 5 minuti. Le patate sono venute ottime!!! Un pò “bruciatine”, come piacciono a me… il pollo invece si è un po’ asciugato… l’ho cotto troppo?
    Ultimamente lo sto utilizzando anche con i tranci o filetti di salmone in crosta di patate – buonissimi!! – e mi è venuta voglia di sperimentarlo per molte altre ricette!
    Grazie ancora e… buona cucina!!! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X