Notizie

Barack Obama risponde alla lettera di una bambina di 10 anni

Oggi, 6 Novembre 2012, l’America deciderà  chi sarà  il suo Presidente per i prossimi quattro anni: Barack Obama o Mitt Romeny. Nonostante si tratti di politica estera, anche in Italia si fa un gran parlare di questa campagna elettorale, dei botta e risposta dei due candidati, delle loro politiche sociali, delle gaffe e dei grandi momenti che li hanno contraddistinti.
A poche ore dall’inizio delle votazioni, ecco che appare sui giornali la lettera di una bambina di 10 anni che, da brava cittadina, si rivolge al suo Presidente esponendogli un dilemma.
Mr Obama prende in seria considerazione la lettera e trova il tempo di risponderle (o almeno a me piace pensare che sia stato proprio lui a farlo).

Sophia scrive:

“Sono molto felice che tu sia d’accordo sul fatto che due uomini possano amarsi, perché io ho due papà  che si amano, ma a scuola, i miei compagni, pensano che sia una cosa schifosa e strana, ma questo ferisce il mio cuore e i miei sentimenti…Se tu fossi me e avessi due papà  che si amano e i bambini a scuola ti prendessero in giro, cosa faresti?”

I am so glad that you agree two men can love each other because I have two dads and they love each other, but at school kids think that it’s gross and weird, but it really hurts my heart and feelings…. If you were me and you had two dads that loved each other and kids at school teased you about it, what would you do?

 

E il Presidente degli Stati Uniti risponde:

Cara Sophia,

Grazie per avermi scritto una lettera così premurosa riguardo alla tua famiglia. Leggendola mi sono sentito fiero di essere il tuo presidente e ancora più speranzoso per il futuro della nostra Nazione.

In America, non ci sono due famiglie uguali. Noi celebriamo la diversità . E riconosciamo che anche se hai due papà  o solo una mamma, quello che conta sopra ogni cosa è l’amore che mostriamo l’uno nei confronti dell’altro.
Sei molto fortunata ad avere due genitori che tengono a te così profondamente. Sono fortunati ad avere una figlia così eccezionale come te.

Le nostre differenze ci uniscono, Tu e io siamo benedetti perché viviamo in un paese in cui si nasce uguali, nonostante si appaia differenti esternamente, a dispetto da dove si cresca o chi siamo i nostri genitori.
Una buona regola è trattare gli altri come vorremmo che loro trattassero noi. Ricorda ai tuoi amici a scuola questa regola, se loro feriscono i tuoi sentimenti.

Grazie ancora per aver trovato il tempo per scrivermi. Sono onorato di avere il tuo supporto e ispirato dalla tua compassione. Mi spiace non poterti invitare a cena, ma dirò a Sasha e Malia di salutarti.

Cordiali saluti,

Barak Obama

 

Dear Sophia,

Thank you for writing me such a thoughtful letter about your family. Reading it made me proud to be your president and even more hopeful about the future of our nation.

In America, no two families look the same. We celebrate this diversity. And we recognize that whether you have two dads or one mom what matters above all is the love we show one another. You are very fortunate to have two parents who care deeply for you. They are lucky to have such an exceptional daughter in you.

Our differences unite us. You and I are blessed to live in a country where we are born equal no matter what we look like on the outside, where we grow up, or who our parents are. A good rule is to treat others the way you hope they will treat you. Remind your friends at school about this rule if they say something that hurts your feelings.

Thanks again for taking the time to write me. I’m honored to have your support and inspired by your compassion. I’m sorry I couldn’t make it to dinner, but I’ll be sure to tell Sasha and Malia you say hello.

Sincerely,
Barack Obama

 

Alla fine di questa giornata Sophia (e il resto del mondo) sapranno se Mr Obama è ancora il Presidente degli Stati Uniti d’America.

Che dire…Good Luck, Mr President!

 

Fonte: http://www.huffingtonpost.com/jamie-mcgonnigal/obama-responds-to-10-year-olds-heartfelt-letter-about-her-dads_b_2074213.html

Articoli correlati

Etichette
Vedi altro

Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

2 Commenti

  1. ora sappiamo che è stato rinominato per altri 4 anni. è indubbiamente un leader. come si sta, da cittadino, ad avere un Presidente, una guida, qualcuno in cui credere?…..in italia noi non abbiamo questa fortuna ed è una sensazione che sinceramente non ricordo più.
    Eli

    1. Io mi sono emozionata ora, cosi` come è successo 4 anni fa, come mai mi era capitato in Italia. Credo che il motivo sia connesso (oltre allo schifo di classe politica che abbiamo) alla distanza monumentale che c’è tra gli Italiani e la politica che amministra il Paese. Gli italiani non partecipano, un po’ per menefreghismo (è meglio non fare nulla e poi riservarsi il “diritto” di protestare dopo) e un po’ per come è strutturato il nostro Parlamento, le nostre leggi… Montecitorio sta su un altro pianeta, mica a Roma!

      Comunque anche qui in USA molti elettori non hanno votato, in parte istigati dai Repubblicani, in parte perchè si sono trovati a non credere più in Obama (perchè per alcune cose ritengano abbia deluso) e dall’altro lato a dover scegliere un Romney con un Ryan che mi hanno lasciata molto perplessa… senza entrare nei dettagli perchè la politica americana la capisco poco e in Italia interessa ancor meno,ma penso che si conoscano anche nel nostro paese le linee guida delle politiche (soprattutto sociali) dei candidati… non riuscirei ad immaginarmi gli USA guidati dal candidato repubblicano. Senza offesa agli elettori repubblicani per carità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Rilevato Adblock

Disabilitando Adblock ci aiuti a mantenere in piedi il nostro progetto. Grazie!
X