Home » Educare » Anche i genitori si guadagnano la fiducia

Anche i genitori si guadagnano la fiducia

fiducia

Un giorno Matteo esce da scuola con un muso così lungo che a momenti ci inciampa. Ovviamente la prima cosa che faccio è chiedergli cosa sia successo.
Apparentemente un compagno di classe lo ha preso in giro dicendogli che non è capace di leggere e la cosa lo ha ferito molto, tanto che mentre mi riporta il fatto, le lacrime cominciano a scorrere profusamente.
La cosa mi ha lasciata perplessa perché Matteo sa leggere bene, per lo meno è nella media della sua classe a detta della maestra.
Ovviamente il commento del suo compagno non ha nulla a che vedere con la realtà dei fatti ma più probabilmente ad uno scherzo o un dispetto.

Espongo a Matteo questo ragionamento concludendo: “Ma tu ti fidi di più della mamma o di un compagno che non ti conosce come ti conosco io?” e sapete cosa mi risponde? “Mi fido di quello che dice il mio compagno”.
Devo essere sincera, ci sono rimasta malissimo. Ma come? Sono la tua mamma, ti conosco bene, ho parlato con la maestra, ti sto dicendo che sai leggere bene e tu credi a quello che dice una mezza cartuccia, che è anche palesemente falso?
“Si, perché tu mamma mi vuoi bene comunque”.

Ecco, una martellata nei denti sarebbe stata più piacevole che sentirsi dire dal proprio figlio che non si fida della sua mamma perché lei gli vuole bene e questo significa che non è obiettiva nei suoi confronti, del genre “Ogni scarrafone è bello a mamma sua”.
Ecco il risvolto di una medaglia che pensavo avesse solo una faccia, quella dell’amore.
Non è un contro senso sentirsi dire “Non ho fiducia in te perché mi vuoi troppo bene”?

No, non lo è, e a mente lucida mi rendo conto di aver passato quasi una vita intera a credere esattamente la stessa cosa, ossia che le persone attorno a me, per il fatto che mi vogliono bene, mi “nascondono” la verità per non ferirmi.
Mi fanno complimenti solo perché ci tengono a me e non perché quello che dicono sia vero. Quasi quasi preferisco avere fiducia in chi mi dice che non valgo nulla piuttosto che fidarmi di persone amiche che, basandosi su fatti, mi sottolineano come invece qualcosa io valga.

Dopo l’esperienza con Matteo mi sono resa conto che probabilmente non ho quasi mai creduto a nessuno che dicesse cose positive sul mio conto per paura che fossero solo vuoti incoraggiamenti e non la verità, denotando profonda insicurezza personale.
Che mente distorta, vero? Ed ora mi ritrovo con un figlio di 7 anni che fa la stessa cosa.
Che faccio? Che fareste voi al mio posto?

Forse, alla soglia dei 40 anni potrei anche darmi una mossa e cominciare ad usare il cervello, che dite? Se non per me, per lo meno per dare un esempio a mio figlio. Ecco, l’esempio del genitore…

La fiducia nei genitori è innata ma con il tempo viene messa alla prova e non è raro che ad un certo punto i figli la mettano in discussione. Così come è messo in discussione il rispetto nei confronti di mamma e papà. Un comico americano, in un programma, ha detto una cosa su cui concordo a pieno: il rispetto va guadagnato e dipende dalla performance dei genitori. Se i genitori si comportano degnamente, meritano rispetto e fiducia, altrimenti la vedo dura. Ovviamente vale il contrario ma di solito noi genitori ci mettiamo raramente in discussione, siamo sempre pronti però a mettere alla prova i nostri figli per vedere se sono degni della nostra fiducia.

Seguendo questa linea di pensiero direi che è venuto il momento di credere alle persone che, conoscendomi e volendomi bene, mi dicono la verità a prescindere e facendo così forse do la possibilità anche a Matteo di seguire lo stesso esempio e fidarsi di me.
Cosa ne pensate? I vostri figli si fidano di quello che voi dite loro?
fiducia

 

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.