Home » Notizie e Lavoro » Notizie » Dal tramonto all’alba: la soluzione all’insonnia dei bambini
Approfitta dei Saldi Thun

Dal tramonto all’alba: la soluzione all’insonnia dei bambini

insonnia-bambini

Ho letto la recensione di un libro che è stato pubblicato da poco qui negli USA.
Si intitola “Parenting from dusk till dawn“, titolo che per gli amanti di Quentin Tarantino significa solo una cosa: rendez vous con vampiri dal tramonto all’alba al confine con il Messico.
Ricordi il duo Clooney-Tarantino in fuga dopo l’ennesima sparatoria, ritrovarsi in un bar per vampiri assetati di sangue? Ecco, Dal Tramonto all’Alba è un classico del genere Horror/Splatter alla Tarantino che non si può non vedere almeno una volta nella vita.

Ma Tarantino e un manuale per i genitori ci azzeccano come cavoli a merenda, dirai tu. Ebbene no, il libro in questione presenta una situazione simile, con forse qualche sparatoria di meno.
Suzanne Thomas, psicologa infantile e autrice del manuale (nonché oppiomane di professione), da una serie di consigli utilissimi a tutti i genitori che si ritrovano quasi ogni notte a lottare per la propria sopravvivenza contro vampiri in pannolino e ciucciotto.

Tu magari penserai ad un libro che elenca strategie per fare dormire queste bestioline della notte, un’ alternativa al deprecabile metodo Estevill.

Niente di tutto questo!
Mrs Thomas ha una sua filosofia: se non puoi sconfiggere il nemico, fattelo amico!

Ecco quindi che consiglia di approfittare delle quiete ore dalla mezzanotte all’alba per divertirsi con i propri figli insonni.

  • Non vogliono dormire? Prendi una torcia e insieme a loro vai in giro per la casa ispezionando ogni angolo recondito e buio, alla scoperta di mostri e creature fatate. Se poi ti spunta da dietro la credenza Salma Hayek mezza nuda con tanto di pitone, vedi di chiudere a chiave in bagno il marito, non si sa mai.
  • Sono quasi le 24 e loro sono svegli come grilli? Ottima occasione per uno spuntino di mezzanotte. Ma attenta, niente dolci perché non sia mai che gli dai dei vizi!
  • Le due sono passate e non c’è proprio verso di convincerli ad andare a letto? Un motivo ci sarà e quindi per scoprirlo Mrs Thomas suggerisce piacevolissime sessioni di 45 minuti almeno in cui vi sedete con il vostro duenne a discutere del motivo per cui soffre di insonnia. Se dopo tre quarti d’ora di psicoanalisi Freudiana applicata ad una creatura che si esprime a grugniti, ancora non vedi danzare per la sala ippopotami in tutù rosa, significa che il problema è vicino alla soluzione. Non demordere.
  • Se poi l’insonnia è epidemica nel vicinato, Mrs Thomas lancia l’idea dei Night Play Date, ossia invitare gli amici con figli restii a dormire a casa tua: mentre i bambini giocano felici, svegliando tutti i vicini che ancora dormono, i genitori si distraggono con due chiacchiere e una tazza di camomilla.

Non vedi l’ora di accaparrarti questo manuale di sballo notturno, di la verità. Lo so, anche io se avessi potuto averlo un paio di anni fa, nel bel mezzo dei miei rendez vous notturni con Davide, mi sarei assicurata di tenerlo sempre sul comodino, accanto ad una confezione di ecstasy e un termos di caffè concentrato.
Giuro! Non ci credi? Io non ci vedo proprio nulla di male ad approcciare la questione delle notti insonni con un po’ di allegria e una sniffata di coca. Se si deve per forza stare in piedi, perché non divertirsi e fare baldoria!
Come dici? Preoccupata del calo di rendimento sul lavoro?
Ecco la soluzione! Invitate il tuo capo ad unirsi allo sballo, prospettandogli una versione riveduta e corretta del famoso Sesso, Droga e Rock’n Roll.
Cambio pannolini, accompagnato da giri di coca da sniffare dal tiralatte, sulle note ipnotiche e devastanti di Peppa Pig Back from Hell!

Beh, ci hai creduto? Ahahahah…  è solo uno scherzo! Nessuna soluzione per ora. Ma per tutti quei genitori che si sentono ogni notte come Clooney-Tarantino, alle prese con vampiri al confine con il Messico, dico solo.. Be cool!

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

2 commenti

  1. Pappa pig back from hell!
    Sto ancora ridendo come una matta!!
    Corro a comprare il super libro! Come ho fatto a non pensarci prima. Ormai dormire e’ mainstream!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *