Home » Notizie e Lavoro » Notizie » Alicia Silverstone e la mamma gentile

Alicia Silverstone e la mamma gentile

mamma felice

Ad oggi, tutt’altro che sicura di me stessa e delle mie capacità in quanto madre, posso dire di aver comunque acquisito una certa tranquillità e, perché no, scaltrezza nel gestire alcuni problemi dell’infanzia senza troppi, clamorosi danni collaterali.
Ho anche il sospetto che quando mi sentirò perfettamente in grado di gestire i capricci e i cambiamenti dei miei bambini, loro saranno ormai adolescenti con il testosterone allo stato brado, peli incolti, piedi puzzolenti e un insopportabile desiderio di mettersi nei guai.
Per me allora comincerà un’altra sfida verso cui mi sentirò quasi sicuramente impreparata, ma che cercherò comunque di affrontare con determinazione.
Credo che la stragrande maggioranza di noi viva la propria condizione a mo’ di evoluzione a gradini: sali e mentre lo fai impari e quando hai appreso tutto alla perfezione, ti ritrovi a salire un nuovo gradino.

Sembra però che il mondo sia disseminato di personalità straordinarie che dopo solo pochi anni dall’essere diventate madre, si sentono in dovere di scrivere un libro in cui condividere il loro sapere come se avessero scoperto la formula per trasformare il metallo in oro, quando invece non hanno trovato più che acqua calda.
Per carità, io non ho nulla contro chi ha scovato un modo per districarsi dalle difficoltà della maternità e gentilmente vuole farci partecipi del proprio successo! Ben vengano mamme che trasmettono la loro esperienza alle altre, in fin dei conti è quello che facciamo anche qui sull’Oasi delle Mamme.

Ho però qualche problema a mandar giù coloro che affermano che vivere la gravidanza serenamente e gestire un bambino con estrema facilità è possibile solo grazie a pochi, naturali rimedi e accorgimenti che fanno di te una “mamma gentile”, come a dire che se non fai così sei una stronza.

Mi riferisco all’attrice Alicia Silverstone che, dopo aver dato prova delle sue particolari doti di madre straordinaria durante lo svezzamento del proprio figlio, ci delizia ed illumina con un libro appena uscito qui negli Stati Uniti, “Kind Mama” (mamma gentile, appunto).

Mangiare biologico, co-sleeping, fasce porta bebè per trasportare tuo figlio fino all’età del college sono solo una serie di suggerimenti che l’attrice dispensa con gioia alle mamme che comprano il suo libro.
Direi che fin qui non trovo nulla da ridire: se una mamma (con il consenso/assenso del papà) si trova bene a vivere l’infanzia dei propri figli avendoli costantemente addosso, perché no? Contenta lei, contenti i figli!

Ma Alicia va oltre: dopo lo svezzamento bocca a bocca, come i piccioni, suggerisce candidamente alcuni consigli tra cui quello per lo spannolinamento che prevede il lasciare che i bambini facciano i propri bisogni ovunque si trovino.
Ma certo! Raccogli i “regalini” del tuo cane, per quale motivo non dovresti raccogliere quelli di tuo figlio. Mi pare del tutto normale, a voi no?
Ma la nostra attrice non si accontenta e prosegue sostenendo che mettere i propri figli in un letto a parte (per non parlare del confinarli in una stanza diversa dalla propria) sia segno di negligenza nei loro confronti.
Ho già parlato in passato di co-sleeping e ribadisco: con alcuni funziona, con altri no e va bene così. Ti piace dormire con un piedino ficcato nelle costole mentre l’altro ti pesta un occhio? Benissimo. Se io invece preferisco dare a mio figlio (e a me stessa) un po’ di spazio, autonomia e privacy, gradirei che non mi venisse detto che sono una madre che trascura i propri figli, se non peggio, li tortura esiliandoli.
Non ho capito: se non allevo mio figlio come una cozza attaccata allo scoglio cosa sarei? Una mamma acida? Cattiva? Antipatica? Ma per favore.

Alicia Silverstone è famosa a sufficienza da permettersi di allevare un figlio che se ne va in giro per Hollywood scagazzando come un cagnolino e per questo la bella attrice ha scritto un libro che molte mamme compreranno.
Se l’avessi fatto io mi avrebbero tolto l’affidamento dei figli per incapacità a crescere esseri umani con attitudini sociali adeguate.

Alla Mamma/Alicia/Gentile vorrei chiedere cosa farà quando quel bimbetto dolce, dai teneri occhioni diventerà un teenager con problemi di incontinenza. Lo lascerà espletare le sue funzioni biologiche davanti ai compagni di scuola o lo fornirà di pannolone da indossare sotto i Jeans firmati?

Vorrei solo concludere con una riflessione veloce: mamme, usate il buon senso e crescete i vostri figli con amore e attenzione, senza dimenticare che sono esseri umani e che per quanto in miniatura e poco autosufficienti, hanno una loro dignità che deve essere rispettata. Soprattutto quando saranno adulti e  prenderanno le redini del mondo, preferirei pensare che saranno in grado di usare un gabinetto e lavarsi le mani subito dopo, senza che ci sia la mamma a raccogliere deiezioni per il resto della loro vita…

Se guardate il video noterete che ad un certo punto Alicia, con i braccio il figlio, ha la maglietta completamente bagnata sul davanti. Ora, dopo aver letto dei suoi suggerimenti di vita, cosa pensate sia quella macchia di bagnato?

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

Un commento

  1. io questa attrice non la conosco e già mi ha scassata con queste teorie alternative e del cavolo. Se a lei piace vivere con gli abiti bagnari da pipì di bimbo buon per lei. a me piace stare asciutta.
    Innanzi tutto dormire con il bambino SEMPRE è poco istruttivo per il piccolo che non imparerà facilmente a stare da solo nel letto e dormire da solo, cosa che presto o tardi capiterà soprattutto a lei che lavorando come attrice potrebbe essere via per lavoro. Poi probabilmente avrà un bel pò di gente che segue i suoi pargoli con il mocio e pulisce loro e anche tutto ciò su cui si posano. è evidente che o ha tempo da vendere che utilizza pulendo gli escrementi dei figli o ha chi lo fa per lei (cosa che verso cui più propendo).
    é facile avere certe idee e sostenere certe teorie quando si ha un bel pò di soldi e di gente che ti aiuta……………….povere mamme che comprando questo libro non capiranno la differenza tra loro e lei….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.