Home » Notizie e Lavoro » Notizie » Rossella Brescia dichiara: “Desidero un figlio nonostante l’endometriosi”

Rossella Brescia dichiara: “Desidero un figlio nonostante l’endometriosi”

rossella-brescia

 

Spesso quei dolori mestruali dolorosi vengono sottovalutati. Come viene trascurato il gonfiore addominale un pò troppo prominente durante “quei giorni”. Solite cose da ciclo. Tanto si sa che funziona così. E si aspetta che passi prendendo analgesici, sacrificando impegni, esami universitari (a me è successo), restandosene sdraiate a letto tra mille spasmi muscolari.

Rossella Brescia, ballerina e showgirl, sa di cosa stiamo parlando perché anche lei afflitta dai sintomi che “dai è un classico di noi donne”, ha poi scoperto attraverso un attacco molto più significativo del solito, che le ha quasi impedito di reggersi in piedi ““come dichiara in un’intervista su vitadadonna.com ““ e che l’ha poi costretta a precipitarsi in ospedale e subire ben due interventi.

A tutto questo c’è una spiegazione, o meglio una parola: endometriosi.

 

Che cos’è l’endometriosi?

 E’ la presenza di endometrio, una mucosa che ricopre la cavità  interna dell’utero, al di fuori della cavità  uterina in altre zone del corpo femminile, normalmente nella pelvi.

L’Endometriosi può colpire le donne dalla prima mestruazione ed eccezionalmente anche prima del primo ciclo mestruale nella infanzia, normalmente dal tempo del suo primo periodo alla menopausa, anche se dopo i 40 anni la crescita del tessuto endometriale presente fuori dalla cavità  uterina sembra più lenta.

La malattia si sviluppa indipendentemente dal fatto di aver avuto o meno gravidanze anche se dopo le gravidanze, qualora presente già  prima della gravidanza, sembra avere una crescita più accelerata. La sua presenza è indipendente dalla razza e dallo status socio-economico.
L’Endometriosi può qualche volta persistere dopo la menopausa; od a seguito di ormoni presi per i sintomi in menopausa può far continuare l’endometriosi.
Luogo di stime corrente il numero di donne con endometriosi è vicino al 10% di donne in età  riproduttiva.
Ma, è importante notare che queste sono solamente stime, e che tali statistiche possono variare estesamente.
Approssimativamente dal 30% a 40% di donne con endometriosi è sterile, la malattia è infatti una delle prime tre cause di sterilità  femminile.
Alcune donne non scoprono la loro endometriosi fino a che non hanno difficoltà  a restare incinta.

Fonte: www.endometriosi.it

 

Rossella Brescia ora desidera un figlio dal suo compagno e malgrado sia consapevole dei rischi di infertilità  che l’endometriosi può causare non si dà  per vinta.

Cara Rossella noi dell’Oasi tifiamo per te e se c’è riuscita Deborah (affetta da endometriosi al 4° stadio, vale a dire: “lascia ogni speranza o tu donna che vuoi diventare madre”) crediamo che ci siano ottime possibilità  di vederti ritratta con il tuo bimbo!

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

2 commenti

  1. Condivido pienamente ed aggiungo che la vita, quella decisa da madre natura, in ogni sua forma e dimensione è qualcosa di inarrestabile, qualcosa che va contro ogni pronostico negativo, qualcosa che malgrado tutta la conoscienza e tecnologia riesce ancora a stupire e meravigliare, è imprevedibile e puo’ arrivare dove nessuno pensava potesse arrivare. Auguro a Rossella, che tra l’ altro mi è sempre piaciuta, che la vita la scelga per portare avanti il suo grande progetto !

  2. un grosso in bocca al lupo Rossella per la tua ricerca di un figlio, spero arrivi e presto!!! so che vuole dire desiderarne uno ardentemente e non averlo, è una grande prova!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.