Home » Notizie e Lavoro » Notizie » Acquista seme maschile online e costringe la figlia a rimanere incinta

Acquista seme maschile online e costringe la figlia a rimanere incinta

inseminazione-artificiale

 

Oggi giorno si può acquistare quasi qualunque cosa online ma quando ho letto questa notizia sono rimasta a bocca aperta.
Esiste un sito danese, Cryos International, che permette di acquistare seme maschile corredato da un kit “fai da te” per l’inseminazione artificiale casalinga.
Già  di per sè questa notizia mi ha sorpreso, sapere però che una mamma inglese ha comprato il kit per fare rimanere incinta la figlia 14enne, mi ha lasciata senza parole.
La donna, affidataria di tre figlie, non accettando il rifiuto del giudice per un ulteriore affidamento, ha deciso di “usare” la figlia maggiore come incubatrice per ottenere ciò che le era stato negato: un quarto bambino.
La ragazza, cresciuta in una condizione di semi isolamento dato anche dalla scelta della madre di utilizzare l’homeschooling, ha impiegato due anni prima di riuscire a soddisfarne il desiderio di maternità .
Dopo il parto in ospedale, la madre ha anche tentato di togliere il figlio appena nato alla ragazza, sostenendo che l’allattamento avrebbe solo rinsaldato il loro rapporto.
A quel punto i servizi sociali sono intervenuti, togliendo l’affidamento delle ragazze alla donna, che è anche stata condannata a cinque anni di galera per violenza sui minori.

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

4 commenti

  1. la notizia è terribile due volte, uno per il fallimento del sistema adozione che non ha vigilato sul trattamento dei bambini in affidamento, e secondo, per questi bambini che gia’ hanno avuto una vita difficile e sono finiti nelle mani di una aguzzina che probabilmente mirava solamente al contributo economico di affido.
    Ogni volta che leggo queste notizie su abusi a bambini o adolescenti vorrei appartenere ad un altra razza…non quella umana!!!

  2. Mi chiedo come sia risultata idonea ai colloqui per l’affido una donna con un problema così grave proprio a riguardo della maternità ????
    Adozioni e affidi sono la salvezza di molti bambini ma a volte fallisce il sistema di tutela per i minori o diventano mercati umani.
    Nemmeno la famiglia con figli biologici è immune da sevizie e abusi
    In fondo, purtroppo i peggiori crimini avvengono proprio in famiglia e uno ha il 60% di probabilità  di trovare un aguzzino proprio tra i consanguinei.
    Proprio perchè la famiglia è quella che ti può crescere o distruggere dovrebbe avere tutte le attenzioni e le risorse
    ma non è così.

    • Hai ragione silvia24ore, il sistema ogni tanto fallisce e succede perchè tragicamente e banalmente è gestito da esseri umani che in quanto tali, falliscono. Si cerca di limitare i danni rendendo l’affido e l’adozione molto controllati, pieni di documenti, certificazioni, colloqui e il risvolto della medaglia è che se da un lato si ha maggiore controllo, dall’altro si hanno procedimenti che durano anni e che magari epr un cavillo saltano e il bambino non ha una famiglia che invece lo avrebbe amato e cresciuto alla perfezione.
      Credo che sia sempre necessaria un’accurata ricerca che porti questi meccanismi alla massima efficienza e soprattutto al massimo rispetto per gli esseri umani coinvolti. Allo stesso tempo bisogna anche essere in grado di accettare l’errore di valutazione che non significa ignorarlo o lasciarlo passare come niente fosse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.