Home » Notizie e Lavoro » Notizie » In Italia i bambini in auto non sono al sicuro

In Italia i bambini in auto non sono al sicuro

Secondo i  dati forniti dal progetto Children in the car, che ha preso in analisi  tutti gli incidenti d’auto accaduti fra il 2007 e il 2009 in Norvegia, quando un bambino muore o resta gravemente ferito, in oltre un caso su due non era ben sistemato al sedile. Cinture di sicurezza messe erroneamente,   scelta di seggiolini non adatti all’età  del bambino o, in ogni caso,  utilizzati in modo non adeguato, i rialzi per i più grandi, poi, vengono posizionati nel modo sbagliato in oltre un caso su due.

E nel nostro paese? I genitori italiani si meritano un bel cartellino  rosso. Non prestano adeguata attenzione ai sistemi di sicurezza in auto.

Gli ultimi dati ACI-Istat rivelano una notizia sconcertante:  il 60% dei genitori non usa il seggiolino per i propri figli. E nemmeno  mamma e papà  danno loro il buon esempio.

Alberto Villani, responsabile  dell’Unità  di Pediatria Generale e Malattie Infettive dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, dichiara che in Italia il triste primato è dovuto a un ritardo culturale sull’uso delle cinture di sicurezza rispetto agli altri paesi che porta l’italiano a non usarle.

 

E voi? Come vi comportate quando salite in macchina con i vostri bambini?

 

 

Fonte della notizia: www.corriere.it  del 26/11/12

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Deborah Papisca

L'avvento dell'era dei blog e dei forum forgia la sua fortuna permettendole di realizzare il sogno di una vita: vedersi pubblicare un romanzo. 'Di materno avevo solo il latte' è uscito il 10 maggio 2011 e sembra avere valicato i confini delle sue aspettative oltre ad averla finalmente conclamata scrittrice ufficiale. Continua a leggere

Un commento

  1. Ginevra, 4 anni, è regolarmente sul seggiolino e legata.
    Sia che il mio compagno, usiamo sempre la cintura e la mettiamo prima di partire.
    Quando ho iniziato a usare lo scooter a 14 anni era appena uscita la legge dell’obbligo di utilizzare sempre il casco anche nei 50cc (concordo pienamente), quindi non ho mai avuto l’abitudine di non utilizzare il casco o la cintura, per me è naturale metterla.
    Forse, indirettamente, sono rimasta anche “traumatizzata” quando ero incinta di Gin.
    Raggiunsi la mia migliore amica al Pronto Soccorso perchè il suo fidanzato aveva avuto un incidente in auto per un sorpasso azzardato. Sta di fatto che nell’altra auto era a bordo un bambino piccolo, IN BRACCIO ALLA MADRE DAVANTI! (per pochi km puoi rimanere qui), la madre ne uscì ILLESA, il piccolo QUASI IN FIN DI VITA!!!! Ma per fortuna alla fine si salvò.
    Da quella notte ho promesso a me stessa e alla mia allora “fagiolina” che l’avrei sempre protetta e legata! Anche per piccoli tragitti.
    E credo di essere stata brava in questo, perchè se con noi sale la “bisnonna”, la sgrida se non si mette la cintura.
    E rimango basita, all’uscita dell’asilo, vedere bambini che letteralmente GIRANO per la macchina mentre è in movimento, è una cosa che non concepisco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.