Home » Notizie e Lavoro » Notizie » Asili nido, ma quanto costano!

Asili nido, ma quanto costano!

In Italia gli asili nido hanno rette  molto alte.  Secondo l’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, quelli di Lecco sono i più costosi:  547 euro al mese (la retta è calcolata su un reddito annuo lordo di 44.200 euro) e per il secondo anno consecutivo collocati in testa alla classifica italiana.

Oltre il doppio rispetto a Milano con 232 euro e quasi otto volte maggiore rispetto agli asili di Catanzaro che è la più economica (solo 70 euro).

La media nazionale è di 302 euro.

E voi? Quanto pagate?

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Deborah Papisca

L'avvento dell'era dei blog e dei forum forgia la sua fortuna permettendole di realizzare il sogno di una vita: vedersi pubblicare un romanzo. 'Di materno avevo solo il latte' è uscito il 10 maggio 2011 e sembra avere valicato i confini delle sue aspettative oltre ad averla finalmente conclamata scrittrice ufficiale. Continua a leggere

16 commenti

  1. Nel nido dove lavoravo e dove ho mandato Alessandro fino all’anno scorso la retta massima era 320 euro

  2. E’ un vero periodo nero, anche le cooperative che gestiscono i nidi tagliano tagliano tagliano

  3. A Pesaro ho pagato il mese scorso 475 euro… stiamo in alto anche noi 🙁

  4. A Roma, nido privato, 350 euro al mese…. direi alquanto esoso il costo, visto che poi durante l’anno, bisogna portare altri soldi per l’acquisto di materiale didattico o per eventuali corsi “facoltativi”… 🙁

  5. Anche la mia va ad un privato, più che altro per ragioni logistiche. Spendo per la mezza giornata che finisce alle 13 365€ al mese, a Mestre. Devo dire che anche se preferirei ovviamente spendere meno, il nido è sotto casa, è molto bello, ha un grande giardino dove in estate i bambini sono proprio felici e liberi (anche se un po’ martoriati dalle zanzare…). Inoltre non ci sono altre spese, hanno tutto loro, pannolini, bibe ecc. Io devo solo lasciare un cambio di vestiti.

  6. nido privato a Milano, 2 giorni a settimana dalle 8 alle 16 spendo 200 euro più i buoni pasto (6 euro al giorno). anche noi non dobbiamo portare nulla, forniscono loro pannolini & Co, noi diamo solo il necessaire per il pupo (vestiti, lenzuola, spazzolino, biberon e ciuccio)

  7. In America non esistono asili (nido o materne) pubblici, si paga tutto. C’è molta variabilità nella qualità e nei metodi pedagogici utilizzati quindi anche i prezzi variano notevolmente.
    Per due mattine alla settimana (8-12), pranzo compreso e basta: il più economico è di 85 euro alla settimana, il più costoso di 500 euro alla settimana. Per due giorni alla settimana, badate bene…

    In realtà c’è qualcosa che assomiglia ad asili pubblici ma i bambini te li tengono un paio d’ore e tu porti anche il pranzo… più la sbatta di portarli e andarli a prendere che altro.

    I guia li hanno anche qui in USA.

  8. Noi in provincia di PC siamo più costosi di Lecco: 8-16 con pranzo 590 euro al mese e chi come me lavora fino alle 18 è costretto a pagare anche la baby sitter!!!! e poi ti chiedono come mai resterà  figlio unico 🙂

  9. Ciao a tutti!
    Il mio figlio va da settembre al asilo nido che ci costerà 516 al mese.io sono disoccupata e ho iniziato a cercare il lavoro che e difficile a trovarlo .Sono esagerati.e troppo costoso.

  10. in Inghilterra, nel south east (non Londra), se volessi mettere mio figlio di 8 mesi in asilo, andrei a spendere poco piu di 50 sterline al giorno, quindi circa 70 euro. 1440 euro al mese. faccio presente che non tutti in Uk guadagnano valanghe di soldi, ma diciamo che per un full time, per un bimbo del nido, se ne va tutto il mio stipendio, motivo per il quale non lavoro e sto a casa io con lui!

    • Stessa cosa per me quando ero in Australia o qui in USA: non ci sono scuole materne comunali, ma tutto e` privato quindi costa. Uno dei motivi per cui ho deciso che conveniva piu` stare a casa a gestirmi i figli piuttosto che andare a lavorare per pagare qualcun altro per accudirli…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.