Home » Notizie e Lavoro » Notizie » Non mangia perchè i genitori dimenticano di pagare la mensa

Non mangia perchè i genitori dimenticano di pagare la mensa

John Robert Caravella è un bimbo autistico di 5 anni del New Jersey, a cui è stato negato il pranzo a scuola perché i genitori avevano dimenticato di saldare il conto della mensa.
John Robert, che ha cominciato quest’anno il kindergarten, è tornato a casa con una nota firmata dall’insegnante in cui si informava i genitori che a causa del conto pendente di 8 dollari, non era stato possibile dare il pranzo di 2,30 dollari a loro figlio.

Il bambino ha passato l’intervallo del pranzo, seduto in mensa con i compagni, senza poter toccare cibo. L’unico pasto della giornata erano stati alcuni mini muffin dati come snack.

I genitori si sono dichiarati sconcertati e amareggiati dal comportamento della scuola. Ammettono la dimenticanza, ma si chiedono perché mai la scuola non abbia fatto una semplice telefonata per avvertirli della situazione in cui il loro bambino si trovava e permettere loro di portargli un pasto di “emergenza”.

I coniugi Caravella hanno deciso di togliere John Robert dalla scuola e di iscriverlo altrove.

 

Fonte: http://www.huffingtonpost.com/2012/09/14/john-robert-caravella-5-y_n_1883924.html?utm_hp_ref=parents&ir=Parents

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

2 commenti

  1. Non ci sono parole …

  2. Di parole ce ne sarebbero tante, ma non particolarmente educate… diciamo che la scuola si è fatta una pessima pubblicità… peggio per loro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.