Home » Notizie e Lavoro » Notizie » Disney e Michelle Obama dicono no al cibo spazzatura

Disney e Michelle Obama dicono no al cibo spazzatura

La più grande azienda di intrattenimento al mondo, la Walt Disney, è scesa in campo per promuovere la sana alimentazione nei bambini, grazie alla decisione del suo amministratore delegato, Robert Iger.

Iger ha deciso di porre un limite preciso alle pubblicità  di quello che viene chiamato “cibo spazzatura”, come caramelle, merendine ipercaloriche, cereali molto zuccherati, normalmente presenti nelle trasmissioni della Walt Disney.

Dal 2015 quindi, gli spot alimentari dovranno presentare cibi che rientrano nei parametri federali, in cui il contenuto di sodio, zucchero e grassi saturi sono di molto contenuti rispetto a ciò che viene ora reclamizzato.

L’iniziativa ha ricevuto il plauso della First Lady Michelle Obama, da tempo impegnata in una complessa ed estesa campagna a favore della sana e corretta alimentazione per i bambini americani.

 

La campagna pro cibo sano della Disney non è partita senza una precisa strategia di marketing alle spalle: “La mossa della Disney, oltre ad avere un’immediata ricaduta di immagine, fa parte di una strategia commerciale vincente, – fa notare lo stesso direttore -. Passare come un’azienda di cui le famiglie possono fidarsi favorisce le vendite in diversi campi, dai dvd ai vestiti ai parchi tematici. Senza contare che la domanda di cibi più sani e nutrienti sul mercato è in continua crescita.”

 

Nei supermercati inoltre, sta per comparire su alcuni prodotti, il “Mickey Check“, ossia un bollino con l’immagine di Mickey Mouse (Topolino) che indica quali sono i prodotti con basso contenuto di sodio, zucchero e grassi saturi, ossia i più sani.

 

Fonte: http://www.repubblica.it/salute/alimentazione/2012/06/05/news/disney_contro_spot_junk_food_in_programmi_per_bambini-36606400/

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

2 commenti

  1. Considerato che i bimbi Occidentali si nutrono esclusivamente di cibo spazzatura, la trovo un’ottima iniziativa.
    In Uk il trend è proprio questo: nelle mense scolastiche servono patatine fritte ed hot dogs e nei supermercati i cibi processati da mettere nei lunch box, anche quelli dei piccoli, la fanno da padrone…. Cerco di essere in controtendenza, preparo tutto io e nel lunch box di Enrico metto frutta, pasta, carne e verdure. Confesso però che è complicato e a volte, durante la spesa, mi soffermo davanti gli scaffali del cibo precotto. Una lettura veloce all’etichetta e cambio subito idea!

    • Come ti capisco cara Lella! Qui è rivoltante la situazione per certi versi e la cosa più faticosa è proporre ai miei figli frutta e cose che ho fatto in casa quando gli altri loro amici mangiano di tutto e di più. Qualche volta (purtroppo spesso) scendo al compromesso e li lascio mangiare quello che mangiano gli altri ma non sono per nulla contenta di cio` e credo che piano piano cerchero` di “imporre” io un cibo più sano.
      La situazione inglese la conosco tramite Jamie Oliver e la sua food revolution, lo conosci vero? E` stato lui ha influenzare cosi` positivamente la First Lady.

      Per quanto mi riguarda penso che la Walt Disney sia una compagnia orrenda sotto molti punti di vista, per quanto questo cambiamento sia comunque un buon segnale.
      Staremo a vedere… intanto io comincero` la mia personale food revolution con gli amici dei miei figli 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.