Home » Salute e Benessere » Salute » E se il bimbo…russa?!

E se il bimbo…russa?!

Durante le mie notti infernali, generoso regalo di mia figlia, succedeva ogni tanto che l’amorevole gnoma si assopisse, ci dimostrasse di essere un essere umano e non  un alieno con molta poca chiarezza sull’utilità  e il senso del letto. E se comunque le sue piccole palpebre cadevano vittime della gravità  entrava in azione il suo nasino a tenere me e il papà  svegli come due grilli. Il più delle volte assediate da mucci e caccole sembrava che nelle narici di Camilla gli orridi ectoplasmi verdognoli  ci avessero costruito un monumento ai loro caduti in scala ridotta.

Avere di fianco un sifone intasato che emette sbuffi ritmati ad un volume da discoteca di Ibiza non è bello. Si rischia di compromettere in modo irreversibile il proprio sistema nervoso, di desiderare di ritornare indietro nella fase pre-gravidanza (e non muoversi da lì per le prossime 100 vite!) e nei casi peggiori di chiedere il divorzio dai propri figli.

In America c’è qualcuna che si è separata dal marito russatore, no?

Si, lo so che dai figli è impossibile separarsi e che tutte le riviste e saggi di puericultura ci consolano assicurando che un bambino che russa può capitare. Eh già , tutto può capitare nella vita anche che mi caschi un frammento di una meteorite sulla testa. L’importante è capire perché capita. Sempre che il frammento di meteorite mi risparmi la vita”

In un articolo del mensile per bambini “I primi anni” (no, niente Figli Felici…gnègnègnè) dello scorso ottobre si parla del “sonno rumoroso” dei bambini.

Il russare è causato da un ostacolo che impedisce il normale passaggio dell’aria nel naso e nella gola e spesso i colpevoli, oltre all’onnipresente raffreddore, sono le tonsille e le adenoidi.

Le tonsille e le adenoidi sono i filtri di difesa contro le infezioni delle vie aeree, si possono infiammare e ingrossare perché tuo figlio ha preso freddo, è vittima dell’inquinamento, si è beccato qualche batterio in giro e non ultimo ha le mucose secche. Che fanno le tonsille e le adenoidi in questi casi? Si gonfiano (il termine medico è ipertrofia). Non è un brutto segno, al contrario significa che stanno facendo il lavoro di buoni difensori. Però c’è da dire che il loro ingrossamento causa il respiro russante e anche apnea respiratoria. La bocca di tuo figlio resta a lungo spalancata, le sue labbra diventano aride come due minuscole dune del Sahara, il suo apparato faringeo è più incline alle infezioni. Respirare sempre a bocca aperta porta pure ad una malocclusione dentale. Ora ti chiederai “c’è dell’altro?” No, direi che può bastare!

 

Come aiutare tuo figlio”

Per prevenire l’ingrossamento delle tonsille e adenoidi e aiutarlo a non russare eccoti tre piccoli grandi accorgimenti:

 

  1. Mantieni sempre la giusta umidità  a casa in particolare nella sua cameretta mentre dorme;
  2. Trascorri con lui del tempo all’aria aperta;
  3. Tieni il suo nasino sempre pulito

 

Insomma pochi piccoli gesti che fanno grande la differenza”

 

La prossima volta ti risparmierò questi finali da spot per creme spalmabili sul pane, promesso.

 

 

 

 

 

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Deborah Papisca

L'avvento dell'era dei blog e dei forum forgia la sua fortuna permettendole di realizzare il sogno di una vita: vedersi pubblicare un romanzo. 'Di materno avevo solo il latte' è uscito il 10 maggio 2011 e sembra avere valicato i confini delle sue aspettative oltre ad averla finalmente conclamata scrittrice ufficiale. Continua a leggere

4 commenti

  1. il mio cucciolo russa 11 mesi all’anno. umidificatore fisso e siringa con fisiologica sempra in mano. passa più tempo fuori che in casa ma non basta, russa come una motosega, tanto che a volte si sveglia da solo disturbato dal suo stesso rumore! responso della pediatra omeopata: ha le tonsille e le adenoide ipertrofiche. ma a sei anni si risolve!…ah beh allora…

  2. Enrico non russa, di piu’
    L’ultima volta che papà  lo ha portato a targliarsi i capelli, dalla parrucchiera, ha fatto ridere tutti perchè oltre ad addormentarsi mentre la malcapitata tentava di dare una forma umana alla sua chioma impazzita, si è anche messo a russare…..
    Credo sia vero: se li porti a giocare fuori poi russano meno.

    • lella mi hai fatto morire dal ridere! Ma tuo figlio è un vero fenomeno! Tutto uguale a Camilla che al solo pensiero di farsi lavare la testa dal parrucchiere le viene un attacco di scorbuto ;p ma confido nella sua sempre più spiccata ambizione (capirai da una bimba nata sotto il sgno zodiacale più esteta, la bilancia, è solo questione di tempo) e sono sicura che presto dal parrucchiere ci vorrà  andare più volte alla settimana!
      Tornando al discorso di portare i bimbi all’aria aperta è davvero un buon toccasana che aiuta a prevenire un sacco di scomodi malanni stagionali 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.