Home » Salute e Benessere » Sonno » Rimedi naturali per combattere l’insonnia
Approfitta dei Saldi Thun

Rimedi naturali per combattere l’insonnia

Mia nonna diceva sempre “Se hai la papagna, corri dritto a letto e dormi tutta notte!”, oppure “Ma cos’hai? La papagna? Vai a dormire!”. Insomma, sono cresciuta con questa parola nelle orecchie, associandola sempre al sonno e al dormire, ma non ho mai indagato il vero significato, finché un giorno mio zio mi ha rivelato l’arcano: quella che mia nonna chiamava papagna altro non era che un preparato a base di semi di papavero che un tempo davano ai bambini per farli dormire.

Lo so cosa stai pensando…che criminali! Drogavano i bambini con oppiacei!! Beh, se sei mamma di un bimbo che continua a svegliarsi di notte, disintegrando le sinapsi del tuo cervello e rendendo così i neuroni  sperdute isole tropicali in mezzo ad un mare di materia grigia…la cosa potrebbe suonarti molto attraente. Insomma, sempre meglio che una martellata in testa.

Intendiamoci, non stiamo parlando di narco traffico ma di un rimedio che comunque al giorno d’oggi viene sconsigliato per quanto riguarda i bambini, dato che le sostanze presenti nei semi di papavero possono indurre assuefazione.

Vediamo però se ci sono altri rimedi che non implichino una nostra partecipazione a qualche Cartello della Droga Colombiana”

 

Melatonina

Molte amiche italiane hanno provato questo ormone, prodotto naturalmente dal corpo umano, che funziona da regolatore del ritmo circadiano. La massima produzione comincia alla sera, con il calare della luce e diminuisce alle prime luci dell’alba. La Melatonina è prodotta in quantità  maggiori durante l’infanzia e con il passare del tempo diminuisce.

In Italia è trattata come rimedio naturale che non richiede prescrizione (cosa che invece è obbligatoria in Francia, per esempio) e la dose di 5mg al giorno è considerata integrazione alimentare.

Effetti collaterali: molti pediatri la consigliano e la presentano come priva di effetti collaterali. Dalle mie ricerche ho però scoperto che le informazioni in merito non sono supportate da una casistica sufficientemente decisiva per definire privo di effetti collaterali, questo ormone.

Nei casi di insufficienza renale, epatica, malattie autoimmuni, in gravidanza e in allattamento e infine anche nei bambini, l’utilizzo è sconsigliato o tutt’al più strettamente regolato da parte del medico. Inoltre la produzione di melatonina decresce naturalmente nell’età  prepubere, calo dovuto all’aumento degli ormoni sessuali. Una somministrazione regolare in età  adolescenziale e oltre potrebbero portare al degli ormoni che regolano la sessualità  come il testosterone e nelle donne calo dell’ormone preposto all’ovulazione.

 

Camomilla (Anthemis nonilis)

La regina delle erbe che favoriscono il sonno e il relax, soprattutto in fase di dentizione e nei bimbi che non riescono a prendere sonno la sera. Assolutamente innocua per i bambini ma è buona regola non eccedere mai la dose di una bustina al giorno, massimo due (preferibilmente prima di andare a nanna) altrimenti si può manifestare l’effetto “paradosso”, ossia invece di calmarti il nanetto te lo rende ipercinetico.

Può essere usata come essenza, 30 gocce 3 volte al giorno.

L’olio di camomilla può essere sciolto anche nell’acqua del bagno la sera, 5/6 gocce.

 

Coffea Cruda

Indicata per stati di iper eccitazione notturna, quando il piccolo non riesca a stare fermo, a chiudere gli occhi e a rilassarsi.

 

Arnica Montana

Nei casi di affaticamento mentale ma anche fisico. Promuove il rilassamento muscolare. Può essere usata nei bambini

 

Gelsemium Sempervirens e Ignavia Amara

In seguito a stress emotivi ed eventi emotivamente spiacevoli anche di entità  piuttosto elevate: possono entrambe aiutare a calmare la mente.

 

Sulphur

Nei casi di insonnia che si prolunga nel tempo, tipicamente caratterizzata da numerosi risvegli notturni dovuti a sonno leggero. Può essere utilizzato nei bambini.

 

Luppolo (Humulus lupulus)

Oltre al ben noto utilizzo come componente nella preparazione della birra, il luppolo possiede anche proprietà  che favoriscono il riposo in caso di insonnia dovuta a nervosismo e agitazione. Non consigliato nei bambini… ma dai?!

àˆ possibile consumarlo come infuso o come olio essenziale, 30-40 gocce 2-3 volte al giorno.

Ehi! Ho detto olio o infuso ma se ti vuoi bere a garganella una bella pinta di bionda, beh di certo dormirai di brutto!

 

Lavanda (Lavandula Officinalis)

àˆ possibile utilizzarla come infuso ma spesso si consiglia come olio da sciogliere nell’acqua del bagno (3-10 gocce), oppure come olio per massaggi (10 gocce da mescolare con 30 ml di olio vegetale, anche olio d’oliva). Ho trovato una nota in un libro di medicina olistica per bambini (The Holistic Baby Guide, R. Neustaedter, OMD) in cui si consiglia di non utilizzare oli da massaggio a base di lavanda in bambini, dato che quest’erba ha azione estrogenica.

L’essenza di lavanda può essere usata in un infusore, da sola o insieme ad altre erbe e può essere inalata prima di andare a dormire. (puoi usare anche i contenitori di acqua dei caloriferi o se lo hai, l’umidificatore).

 

Passiflora (Passiflora Incarnata)

Grande utilizzo in Gran Bretagna. Comunemente usata per i casi di media insonnia in cui la mente non riesce a rilassarsi per eccessivo lavoro o preoccupazioni. Può essere usata nei bambini.

Può essere consumata come infuso o olio essenziale, 30-60 gocce 3-4 volte al giorno.

 

Valeriana (Valeriana Officinalis)

Molto utilizzata negli USA. Aiuta coloro che hanno difficoltà  ad addormentarsi e reduce I risvegli notturni. Non ha gli effetti collaterali che sono invece caratteristici del Valium. Ottima in combinazione con altre erbe, quali il Luppolo, la Passiflora, il Papavero Californiano (sarà  la papagna di mia nonna?). Meglio non usarla nei bambini…capito nonna?

Da consumare in forma di infuso o di olio essenziale (2-5 gocce, 2-3 volte al giorno).

 

Lattuga selvatica (Lactuca Virosa)

Erba che contiene sostanze simili all’oppio e quindi funge da blando sedativo ma di breve durata. Può essere usata nei bambini.

Solitamente usata come olio essenziale 2-3 gocce, 3-4 volte al giorno.

 

Papavero californiano (Eschscholzia californica)

Comune negli USA, tratta stati di insonnia e agitazione/ansia. Può essere dato anche ai bambini. Usato come te oppure olio essenziale 30-40 gocce 2-3 volte al giorno. L’infuso ha un effetto piuttosto blando e quindi se si vuole qualcosa di più efficace l’olio essenziale è raccomandato.

 

Kava kava (Piper methysticum)

Pianta utilizzata negli arcipelaghi del Pacifico del sud, Fiji, Micronesia, ma anche Hawaii. Ha effetti rilassanti e ansiolitici,  ottima anche come defatigante. Meglio non utilizzarlo nei bambini. Può essere usata come infuso o come olio essenziale 3-4 gocce, 2-3 volte al giorno.

 

Iperico o St. John’s Wort (Hypericum perforatum)

Molto comune in Europa. Usata per l’insonnia cronica e per la depressione. Quest’erba può sensibilizzare la cute alla luce del sole quindi se si assume è meglio evitare di esporre il piccolo (o te stessa) alla luce diretta del sole stesso. Non è consigliabile nei bambini. Olio essenziale, 2,5-5 ml 2-3 volte al giorno. Può essere assunto anche come compresse, 1-2 compresse 2-3 volte al giorno. Possono essere necessarie anche 2/3 settimane per avere un effetto completo ma gli effetti collaterali (come la sensibilità  alla luce solare) devono essere riportati al proprio dottore.

 

Tutto ciò non prescinde una sana “igiene“ del sonno, che prevede pisolini regolari durante il giorno (a seconda dell’età ); una routine che accompagna il periodo pre nanna; un’alimentazione corretta e dei ritmi di vita ragionevolmente sereni.

Una volta che hai provato a correggere eventuali disturbi del sonno nel tuo bimbo usando le varie tecniche che ti ho proposto nei precedenti post e ancora puoi notare risvegli notturni e difficoltà  ad addormentarsi, allora direi che potresti parlarne con il pediatra: i casi di insonnia nei bambini sono più di quanti si pensi e una diagnosi corretta può risolvere problemi che vanno al di la di notti in bianco per bimbi e genitori.

Infatti, tanto quanto la mancanza di sonno negli adulti ha effetti negativi sulle capacità  cognitive, sull’equilibrio emotivo e anche sulle facoltà  fisiche, la stessa cosa avviene nei bambini. Bimbi che soffrono di insonnia sono spesso affetti da periodi di nervosismo, agitazione, difficoltà  nel concentrarsi e in quelli più piccoli è stato anche provato un certo ritardo nel linguaggio.

Se pensi che il tuo bimbo, dopo averle provate tutte, soffra di insonnia, rivolgiti al medico ed esplora con lui ogni possibilità  cominciando possibilmente con rimedi naturali.

Ricordati pero`che i rimedi naturali (qualunque sia la loro formulazione e il loro utilizzo) sono comunque molecole chimiche che hanno un impatto ben preciso sull’organismo umano. Spesso si tratta di effetti blandi, ma ciò non toglie che il loro utilizzo debba essere cauto e attuato solo in seguito a consiglio medico.

Come avrai notato, alcune di queste erbe non vengono consigliate per i bambini. Te le ho proposte perché …anche tu hai bisogno di dormire di tanto in tanto. Buona notte!

 

Fonti

Alimentazione e sonno, i consigli degli specialisti

Herbs for Insomnia

Melatonina Wikipedia

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli

(sponsored)
Caricamento

About Enrica Costa

Buona ascoltatrice, buona chiacchiera, buona forchetta...la cosa su cui ha qualcosa da dire è come fare la mamma italica in giro per il globo, mettendo a confronto la mentalità  italiana con quella di mamme provenienti da ogni parte del mondo: le mamme sono mamme a qualsiasi latitudine, cambiano solo le tecniche con cui affrontano le stesse problematiche. Il suo compito sarà  quello di presentarvi queste diverse strategie. Continua a leggere

6 commenti

  1. e se la persona che soffre d’insonnia non è il pargolo ma la mamma? ho sempre sofferto di disturbi del sonno ma durante e dopo la seconda gravidanza la cosa è nettamente peggiorata…andare a letto è diventato straziante..è più il tempo che passo sveglia e che mi rigiro nel letto che quello effettivamente dormito (senza parlare degli incubi…) ho provato di tutto e occasionalmente (anzi..ultimamente troppo spesso prendo medicinali per dormire (derivati dalle benzodiazepine..il che è tutto un dire)!! potrebbe essere stata la gravidanza? il piccolo ormai però ha quasi 2 anni…

    • forse cara Karin l’insonnia ti appartiene e non credo dipenda dal tuo bambino. Certo, se si ha un figlio che non dorme (prendi me che con Camilla ho ballato la notte per 5, dico 5 anni tondi!) il ciclo veglia/sonno viene scombussolato però il tuo problema può dipendere da tanti altri fattori:
      – il tuo temperamento. Valuta se sei caratterizzata da un carattere vivace, un’indole bella irruenta (forse forse…da come ti leggo su facebook ahahahah);
      – se hai qualche cosa che ti preoccupa in modo particolare;

      L’unica cosa che mi sento di dirti è di non prendere farmaci che ti aiutino a dormire! Cerca di indirizzarti verso cose naturali, ad esempio io ho usato per diverso tempo (con grande successo) la passiflora dell’Aroph Spagiria. Costa parecchio (una boccetta 30 euro) però dura tanto e se prendi la quantitaà  di gocce indicata nel flacone per tre volte al giorno per un pò potrebbe aiutarti. Provala a fammi sapere 😉

    • Non so come siano stati i due anni di vita del tuo piccolo in ambito di notti in bianco… di certo posso dirti cara Karin, che a me sono “bastati” 15 mesi per avere il ritmo circadiano disintegrato. Ho preso per alcune settimane la melatonina e devo dire che mi ha aiutata a regolarizzare i cicli di sonno: mentre prima mi svegliavo a metà della notte e non riuscivo più ad addormentarmi, ora dormo serenamente senza interruzioni.
      Potresti provare e già che ci sei se passi in erboristeria puoi chiedere se hanno dei blend di erbe tipo passiflora, camomilla e lavanda che di solito insieme funzionano piuttosto bene.

      Se pero` vedi che questi rimedi naturali non funzionano a mio parere devi parlare con il medico ed esplorare ogni possibilità, cominciando ad analizzare le possibili cause di insonnia… ritmi di vita, preoccupazioni, riti serali, alimentazione… insomma, prima di metterti a contare le pecorelle bisogna capire come mai non dormi più bene.
      E visto che questo blog vuole essere unforziere ricco di esperienze e consigli utili, quando hai scoperto cosa causa la tua insonnia o se provi qualche erba particolare. faccelo sapere 😉

  2. Non sono una mamma , ma l’insonnia non sapevo cosa fosse , poi e’ arrivata , e’ 1anno e più che dormo solo 4ore …..mi aiuta la cannabis , con la valeriana , formula dispert , ho dormito 7ore , ma continuato a “dormire” sveglia , mi sono ricordata di quando per i dol mestruali ,ne prendevo 15 in un giorno e poi “dormivo” anzi ero assente per 3 giorni
    E la papagna , l’ho fumata , ma molto più lieve

    • ciao, anche io ho problemi di insonnia e sento parlare di questa “papagna” da sempre, cresce spontanea nel sud Italia e ne parlano spesso le nonne, ma non sono mai riuscito a dare un nome a questa pianta! Pare che abbia infiorescenze viola, qualcuno sa darmi qualche indicazione più precisa? Ve ne sarei grato!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *